You are currently browsing the category archive for the ‘2. Studio del testo’ category.

Dopo avere scelto il testo su cui predicare, inizia la parte più importante: lo studio del testo.

Ogni fase è importante, certo, ma questa è la più importante, perchè è alla base di tutte le altre: uno studio corretto, infatti, permette una interpretazione ed una applicazione corretta del testo.

Sui principi e sui metodi di studio del testo biblico si può scrivere molto. In questo articolo cercherò di dare solo alcuni suggerimenti tratti dal mio attuale modo di studiare e di spiegare alcuni concetti che ritengo particolarmente importanti. Se vuoi ulteriori informazioni o suggerimenti a riguardo, non esitare a chiedermelo.

Ecco alcune delle cose che faccio nel mio studio del testo:

  1. Leggo il testo, prima di iniziare lo studio, e mi scrivo tutte le domande che mi vengono in mente. Alla fine dello studio vorrei avere dato – dove possibile – una risposta a queste domande. Spesso chiedo anche a mia moglie di leggere il testo e di scrivermi le sue domande.
  2. Fotocopio il testo ingradito in modo da potere fare liberamente annotazioni, frecce, simboli…
  3. Esamino il contesto:  i capitoli/paragrafi prima e dopo.
  4. Leggo il testo più volte a voce alta, in altre versioni e lo ascolto (Bibbia in mp3).
  5. Utilizzo le 5 domande giornalistiche (chi, come, dove, quando, perchè) per raccogliere il maggior numero di osservazioni.
  6. Cerco le parole chiave e quelle che si ripetono e le evidenzio.
  7. Definisco una suddivisione del testo e una sua struttura.
  8. Utilizzo dizionari biblici o altri strumenti simili per capire il significato delle parole e raccogliere informazioni su luoghi, personaggi, etc.
  9. Solo dopo avere dato una prima intepretazione del testo e dei suoi punti più critici, consulto i miei commentari.

Ecco invece alcuni principi che mi propongo di rispettare nel mio studio:

  1. Prima di applicare il testo alla mia vita o a quella di altre persone, devo capirne il corretto significato. Se mi viene in mente qualche possibile applicazioni, la scrivo su un foglio a parte, ma ritorno poi allo studio.
  2. Nel momento in cui mi avvicino al testo, lo faccio come se fosse per me “nuovo” e cerco di non considerare, almeno inizialmente, quello che ho pensato o ho sentito da altri su questo testo.
  3. Devo mettere tutto il mio impegno nello studio, ma nello stesso devo pregare costantemente perchè sia lo Spirito Santo a guidarmi nella comprensione della rivelazione biblica.

Lo studio ha come obiettivo finale la risposta alle domande:

  1. Qual è lo scopo del testo?
  2. Qual è l’idea principale del testo?

ma di queste parleremo nei prossimi articoli.

Come studi un testo biblico? Quali metodi e strumenti utilizzi?

Annunci

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 16 follower

Articoli più letti

Blog Stats

  • 11,278 hits

Commenti

Caleb su Sola grazia
Andrea Aresca su Bibbie aperte
Andrea Aresca su Bibbie aperte
Stefano Comune su Bibbie aperte
silvano su Bibbie aperte
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: